Torna indietro

24/02/2021 2021  | Blog

Il GNL nel settore agricolo

gnl settore agricolo

Il GNL nel settore agricolo

Come è noto, viviamo in una società sempre più concentrata attorno alle grandi città, dove le aree rurali sono le principali vittime. L’esodo rurale, soprattutto dalla seconda metà del XX secolo, ha evidenziato questo spostamento della popolazione alla ricerca di nuove opportunità nelle città.

Tuttavia, ad oggi, sono ancora molte le persone che rimangono nelle zone rurali grazie a diversi fattori che hanno notevolmente facilitato lo sviluppo della vita in queste aree. Tutti questi elementi, dove spicca la disponibilità di fonti energetiche come il gas propano, sono quelli che hanno permesso di costituire l’ossatura del territorio e, quindi, di promuovere lo sviluppo economico e sociale di queste aree.

Nel caso dell’energia, la mancanza di infrastrutture in molti di questi settori ha portato alla necessità di fonti energetiche lontane dalla rete, sia elettrica che del gas. In breve, questo approvvigionamento energetico indipendente dalla rete è uno dei fattori chiave che ha reso possibile lo sviluppo delle zone rurali.

Oggi, vogliamo parlare di come il gas naturale liquefatto (GNL) funga da elemento essenziale e soprattutto favorisca tutte quelle aziende e attività commerciali del settore agricolo situate nell’ambiente rurale.

Scopri tutto sul GNL nel settore agricolo

Il GNL nelle zone rurali

Contrariamente a quello urbano, lo sviluppo delle infrastrutture e delle reti del gas naturale non è sufficiente a coprire tutte le aree rurali. Pertanto, l’approvvigionamento di una fonte di energia necessaria come il GNL deve essere effettuato con altri mezzi che non dipendono da questa rete.

Lo sviluppo di questi sistemi di approvvigionamento del GNL ha quindi portato con sé una moltitudine di vantaggi, fornendo all’ambiente rurale e agricolo tutto il necessario per poter crescere a un ritmo vertiginoso. Il GNL, come fonte energetica ideale per tutti quei luoghi ad alto consumo energetico, in quanto non solo consente lo sviluppo delle grandi industrie agricole, ma promuove anche la crescita di tutto l’ambiente che le circonda.

Il primo aspetto da considerare è che l’utilizzo di grandi sistemi a base di GNL consente di concentrare l’intero processo produttivo di un’azienda agricola nello stesso punto. In questo modo e man mano che si riduce la necessità di trasportare alcune parti del processo produttivo in altre aree, aumenta la necessità di assunzioni di manodopera in loco e quindi di occupazione. Naturalmente, il passo fondamentale per arrestare l’esodo dalle zone rurali comporta irrimediabilmente la creazione di posti di lavoro in quelle stesse aree.

Inoltre, per le zone rurali in cui non arriva la rete del gas, l’utilizzo del GNL è presentato come un’opzione semplice e di facile soluzione; una petroliera può fornire perfettamente GNL in tutti i punti in cui c’è una struttura, indipendentemente da quanto sia remota quella posizione.

Infine, e ciò che è essenziale nell’ambiente rurale, è l’importanza di utilizzare energie che abbiano un impatto ambientale esiguo o nullo. Rispetto ad altri combustibili convenzionali, il GNL emette meno CO2, l’80% in meno di monossido di carbonio e impedisce completamente l’emissione di particelle nocive durante la sua combustione. In questo modo, il GNL contribuisce a un significativo miglioramento della qualità dell’aria e dell’ambiente.

Il GNL nel settore agricolo

Se è vero che sempre più attività professionali si svolgono nelle zone rurali, sono l’agricoltura e l'allevamento che si distinguono soprattutto dalle altre.

Sebbene le aziende agricole siano di dimensioni diverse, nel caso del GNL, parliamo di quelle ad alto consumo energetico e di processi di produzione ininterrotti, di solito in funzione 24 ore al giorno.

Gli esempi più rappresentativi sono:

  • Serre: in questo scenario, il GNL viene utilizzato per riscaldare le serre attraverso generatori di aria calda o aerotermici. In questo modo, si ottiene una resa più elevata delle colture, garantendo un’alta qualità. Inoltre, contribuisce ad aumentare ulteriormente la produzione e persino a far avanzare la raccolta di queste colture.
  • Essiccatori: nel caso degli essiccatori, il GNL ha molteplici possibilità, sia per il tipo di prodotto che per il tipo di essiccamento stesso. Per quanto riguarda i prodotti, il GNL può essere utilizzato per trattare cereali (come riso e mais tra gli altri), cotone, luppolo, legno, prodotti a base di carne, ecc. Per quanto riguarda invece il tipo di essiccazione, il GNL è compatibile con qualsiasi tipo; per convezione, per contatto o per irraggiamento.
  • Riscaldamento e raffreddamento: in alcune località come le fattorie, è essenziale avere un controllo assoluto della temperatura; molti animali richiedono le giuste temperature in ogni momento per vivere.

Vantaggi del GNL nel settore agricolo

Al di là dei vantaggi che il GNL offre all’ambiente in cui viene utilizzato, le aziende agricole che scelgono di scommettervi osserveranno rapidamente che i vantaggi offerti dal GNL rispetto ad altre fonti energetiche sono evidenti. Alcuni di questi sono:

  1. Riduzione dei costi: le spese per la bolletta energetica che un’azienda deve sostenere rappresentano sempre un’alta percentuale delle proprie spese. Pertanto, scommettere su energie efficienti e a basso costo, come il caso del GNL, è essenziale per ridurre questo esborso.
  2. Versatilità e unicità nell’approvvigionamento energetico: quando parliamo di GNL, parliamo di un’energia polivalente che può essere introdotta in una moltitudine di applicazioni e fasi del processo produttivo. Pertanto, scommettere sul GNL consente di unificare praticamente tutti i consumi sotto un’unica fonte di energia, sfruttando tutti i vantaggi che ne derivano.
  3. Tranquillità e fornitura continua: un altro dei principali vantaggi del GNL è il grande risultato che offre in processi produttivi ininterrotti. Il GNL garantisce la tranquillità di cui un settore come l’agricoltura ha bisogno, in quanto il fallimento dell’approvvigionamento energetico può avere conseguenze molto negative.
  4. Ambiente di lavoro più pulito: date le specifiche necessità del settore alimentare in merito a questioni sanitarie e igieniche, il mantenimento di strutture pulite è essenziale. Pertanto, l’utilizzo di energia più pulita sta diventando sempre più comune, come il GNL, in quanto si tratta di un combustibile convenzionale meno inquinante. A differenza del gasolio, il GNL non provoca né fumi né sporcizia durante il consumo.
  5. Unificazione del processo: come discusso in precedenza, disporre di un impianto di GNL consente a molte aziende di integrare l’intero processo di produzione in un’unica sede; fondamentale nell’ambiente rurale. In questo modo, attività come il trasporto o lo stoccaggio della produzione altrove scompaiono, generando così risparmi significativi e, quindi, un incremento della produttività.

Come potete vedere, nonostante le apparenti difficoltà che possono esservi nell’ambiente rurale quando si tratta di usufruire di un approvvigionamento energetico valido ed efficiente, optare per il GNL comporta una serie di vantaggi significativi che è importante considerare, non solo per la propria attività, ma per l’intero ambiente.

Se anche voi vi trovate in un ambiente rurale e/o siete impegnati nel settore agricolo, noi di Liquigas possiamo aiutarvi.

Scoprite tutto ciò che possiamo fare per voi e per l’ambiente in cui vi trovate


23/03/2021 • 2021 | Press

Partnership con Air Liquide per sostenere l'uso del BioGNL per l'autotrazione in Italia

Prodotto in un contesto di economia circolare, il biometano è un carburante a basse emissioni di CO2 fondamentale per la transizione ecologica

Vai all'articolo