Torna indietro

17/03/2021 2021  | Blog

10 consigli per risparmiare energia in casa, una questione di abitudini

consigli per risparmiare energia in casa

Solo pochi anni fa, laptop o tablet non erano così comuni, né passavamo la giornata a preoccuparci della batteria dei nostri telefoni. Con l’evoluzione tecnologica, e quasi senza rendercene conto, siamo progressivamente diventati insaziabili consumatori di energia in casa.

Questo nuovo modo di vivere, insieme al costo dell’energia ha, in molti casi, portato di anno in anno a un innalzamento delle bollette domestiche.

Per farvi fronte, cambiando alcune abitudini per ridurre i consumi giornalieri, non solo ti permetterà di ottenere un risparmio sulle bollette energetiche, ma avrà anche enormi benefici per il pianeta. Gestendo i consumi energetici in modo responsabile, ridurrai la tua impronta di carbonio, contribuendo quindi a un’aria da respirare più pulita e più salubre per tutti.

Comincia a risparmiare in bolletta oggi, passando al GPL Liquigas

Come risparmiare energia in casa

Il risparmio è un fattore importante per molte famiglie, ma trovare le abitudini che ci consentiranno di risparmiare energia in casa non è sempre facile. La verità è che ci sono molti modi diversi per risparmiare energia, che vanno da piccole azioni a migliorie più importanti della casa.

Ecco dieci consigli per risparmiare energia in casa e ridurre così sia le tue spese mensili sia il tuo impatto ambientale.

  1. Approfitta della luce e del calore naturali: la luce solare non solo apporta vitalità e influisce sul tuo rendimento, ma può anche fornirti risparmi finanziari significativi. Se puoi, approfitta della luce naturale per ridurre il consumo di luce artificiale in casa. Investi installando ampie finestre e porte in vetro che lascino fluire la luce da uno spazio all’altro.
  2. Elettrodomestici efficienti: negli anni ‘90, a seguito dell’introduzione di una nuova normativa europea, gli elettrodomestici hanno iniziato a essere classificati con l’etichetta energetica. Questa categorizzazione è sorta per offrire al consumatore informazioni trasparenti sui livelli di consumo di ogni dispositivo. In questo modo, gli elettrodomestici con etichetta A+++, A++ o A+ saranno quelli che consumano meno energia, a differenza di quelli con etichetta C o D, caratterizzati da consumi elevati. Sebbene gli elettrodomestici efficienti possano essere più costosi al momento dell’acquisto, comporteranno un ingente risparmio a medio e lungo termine.
  3. Controlla i tuoi consumi ed evita gli sprechi energetici: gran parte dell’energia che consumiamo in casa è correlata a modelli di utilizzo sbagliati e a sprechi energetici non necessari. Ad esempio, lasciare le luci accese, accendere il riscaldamento indossando magliette a maniche corte o attivare lavatrici semivuote sono solo alcune azioni che contribuiscono all’innalzamento dei costi in bolletta, procurando un considerevole impatto negativo sul pianeta.
  4. Stira in modo efficiente: il consumo di energia termica non necessaria viene rilevato continuamente durante le attività di stiratura. Per ridurre i consumi associati a questa attività quotidiana, ti consigliamo di stirare ogni volta grandi quantità di bucato, evitando così gli sprechi di energia durante il riscaldamento del ferro da stiro. Inizia sempre con capi che richiedono una temperatura più bassa. In questo modo, man mano che il ferro da stiro si riscalderà, potrai proseguire con i capi che richiedono temperature più elevate. E per finire, con il ferro da stiro già spento, potrai passare ai capi che devono essere stirati a bassa temperatura. Questo processo, che può sembrare simbolico, consente di registrare un cospicuo risparmio durante l’anno.
  5. Prediligi la doccia anziché il bagno: indicativamente una doccia di 10 minuti comporta uno spreco di 200 litri di acqua. Per ridurre il consumo di acqua, puoi optare per docce veloci. Puoi anche installare rompigetti sui rubinetti per ottimizzare il flusso senza disperderne il volume. Questo dispositivo consente un risparmio fino al 50%.
  6. Scollega le prese, quando è possibile: il caricabatterie lasciato collegato a una presa, anche in assenza di un dispositivo all’altra estremità del cavo, consuma energia elettrica. Sebbene la quantità di energia consumata sia esigua (0,0002 kWh), è comunque un consumo inutile. Se moltiplichiamo questa quantità per il numero di utenti in tutto il mondo che eseguono regolarmente questa pratica, otterremmo un numero elevato di emissioni inquinanti che è possibile prevenire.
  7. Ottimizza il modo di cucinare: la cucina è uno dei grandi fattori di consumo energetico della nostra casa. Lavastoviglie, frigorifero, forno o piano di cottura comportano un consumo giornaliero significativo. L’utilizzo di un piano di cottura a gas anziché di un piano di cottura con piastre elettriche, in vetroceramica o a induzione contribuirà a ridurre l’energia consumata quando cucini, in quanto si tratta di un sistema più efficiente. Per di più, se puoi, utilizzando pentole a pressione potrai risparmiare fino all’80% di tempo e di energia. Inoltre, utilizza l’acqua strettamente necessaria per cucinare, poiché più acqua utilizzerai, più energia termica ti servirà per riscaldarla.
  8. Evita di attivare la lavatrice o lavastoviglie dopo i pasti: in genere, le tariffe più costose per l’elettricità sono fissate nella fascia oraria immediatamente successiva al pranzo (dalle 14:00 alle 17:00) e alla cena (dalle 21:00 alle 22:00). Se hai un contratto con tariffa oraria, non attivare la lavatrice o la lavastoviglie dopo i pasti principali. Sarà più conveniente attendere una fascia oraria più favorevole: all’alba o durante le prime ore del mattino.
  9. Isola bene la casa: una delle cose migliori che puoi fare per risparmiare energia è isolare adeguatamente la casa. Una casa isolata sia dal freddo in inverno che dal caldo in estate ti aiuterà a fare a meno di condizionatori e altri elettrodomestici, ipotizzando notevoli risparmi a fine mese. L’isolamento degli infissi con guarnizioni isolanti su porte e finestre, il ricorso ai doppi vetri, il rivestimento del pavimento con tappeti o tubi isolanti e un sistema di accumulo dell’acqua calda, sono solo alcune idee per ottimizzare la climatizzazione della casa riducendo al minimo il consumo energetico.
  10. Gas, meglio del gasolio: il gas non è soltanto un’energia pulita e sicura, ma si distingue anche per la sua efficienza. L’efficienza di una caldaia a gas oltrepassa il 100% e può generare un risparmio energetico fino al 30% in più rispetto a una normale caldaia. Al risparmio economico si aggiungono emissioni di ossidi di azoto (NOx) notevolmente inferiori in questo tipo di caldaie, motivo per cui si consolidano come un’opzione più sostenibile.

RISPARMIO ENERGETICO: BENEFICI PER IL TUO PORTAFOGLIO E PER LA SALUTE DEL PIANETA

Senza dubbio, l’importo della bolletta dell’energia è motivo di preoccupazione per tutte le famiglie. Con una corretta gestione dei consumi potrai ridurre i costi in modo considerevole, poiché piccole azioni possono tradursi in ingenti risparmi.

Gran parte della quantità di energia che utilizziamo nelle nostre case è direttamente correlata alle nostre abitudini di consumo. Si tratta di un aspetto che possiamo controllare e ottimizzare per gestire l’energia in modo efficiente.

Non dimenticare inoltre che risparmiando energia in casa non solo otterrai benefici per le tue tasche, ma farai anche la tua parte per contribuire a un ambiente più sostenibile. Vuoi respirare un’aria più pulita e più salubre? Ricorda che prendersi cura del pianeta significa prendersi cura di noi stessi e, allo stesso tempo, è responsabilità di tutti.

E tu, applichi già questi 10 consigli per risparmiare energia in casa?