hero_GNL

GNL

Gas Naturale Liquefatto

La soluzione ideale per le aziende con un significativo fabbisogno energetico e non raggiunte dalla rete del metano

Richiedi informazioni (cliente) Richiedi informazioni (non cliente)

Che cos'è il GNL

 Il GNL (Gas Naturale Liquefatto) è una miscela di idrocarburi costituita prevalentemente da metano (90-99%). Altri componenti secondari sono l’etano, il propano e il butano. Il GNL si ottiene sottoponendo il gas naturale, estratto da giacimenti sotto la superficie terrestre, a un processo di liquefazione a una temperatura di circa - 162 °C che consente la riduzione del volume del gas di circa 600 volte. Il GNL appare essenzialmente come un fluido incolore e inodore con una densità pari a circa la metà di quella dell’acqua.

La filiera produttiva del GNL

I principali settori target di potenziale diffusione del GNL in Italia sono le utenze industriali e civili off-grid, il trasporto marittimo e il trasporto stradale pesante.

Questi settori oggi consumano circa 13.000 ktep (7.500 per il trasporto stradale pesante; 2.500 per il trasporto marittimo; 2.000 per usi industriali e 900 per il trasporto leggero; 65 per le reti off-grid), pari al 10% dei consumi finali del 2015.

Tale aggregato potrebbe essere coperto in larga parte dal gas naturale, in sostituzione dei diversi prodotti petroliferi oggi utilizzati, tramite un adeguato sviluppo della filiera.

GNL_Filiera-produttiva

La sostenibilità del GNL

Rispetto al gas naturale, il GNL è una fonte energetica più pulita poiché attraverso il processo di liquefazione viene eliminata la maggior parte degli elementi inquinanti, quali anidride carbonica e idrogeno solforato. La combustione del GNL produce emissioni di anidride carbonica inferiori rispetto alla maggior parte dei combustibili fossili e praticamente nessuna polvere sottile. Nel caso del tutto eccezionale di uno sversamento, il GNL è rispettoso del suolo, del sottosuolo e delle falde acquifere perché ha una densità inferiore rispetto all’acqua e quindi galleggia.

GNL_sostenibilita

I settori principali

  • Heating_32x32 2

    Riscaldamento

  • Cucina

  • Processi industriali

  • Acqua calda

  • Mobilità

Le opportunità del GNL per l'industria

  • Ottimizzazione dei costi: il trasporto di GNL è molto più semplice e costa meno rispetto a qualsiasi altro combustibile fossile, soprattutto per i lunghi tragitti.
  • Sostenibilità ambientale: rispetto al gas naturale, il GNL è una fonte energetica più pulita poiché attraverso il processo di liquefazione viene eliminata la maggior parte degli elementi inquinanti, quali anidride carbonica e idrogeno solforato. La combustione del GNL produce emissioni di anidride carbonica inferiori rispetto alla maggior parte dei combustibili fossili e praticamente nessuna polvere sottile. Nel caso del tutto eccezionale di uno sversamento, il GNL è rispettoso del suolo, del sottosuolo e delle falde acquifere perché ha una densità inferiore rispetto all’acqua e quindi galleggia. Inoltre, man mano che si riscalda, evapora, lasciando l’acqua incontaminata.
  • Disponibilità: le scorte mondiali di gas naturale, e quindi di GNL, sono notevolmente superiori a quelle di petrolio greggio attualmente accessibili.
  • Flessibilità nella distribuzione: il GNL è facile da trasportare perché non dipende da una rete di conduttura sotterranea. La possibilità di diversificare i fornitori si traduce in un alto valore di indipendenza energetica, oltre che politica, dai Paesi fornitori.
  • Sicurezza: il GNL è un liquido trasparente, incolore e non tossico che si forma quando il gas naturale viene raffreddato a - 162 °C (- 260 °F). A parte le sue caratteristiche criogeniche, le problematiche di sicurezza sono le stesse del gas naturale.
  • Maturità della tecnologia: per essere trasportato a pressione atmosferica, il GNL deve rimanere a circa - 162 °C. Tale caratteristica richiede l’uso di tecnologie criogeniche che sono ormai provate e ampiamente diffuse in campo industriale.
  • Flessibilità nell’uso: dal suo impiego iniziale, per alimentare gli impianti di rigassificazione e la successiva immissione nelle reti gas, il GNL sta emergendo come un combustibile pulito dai costi competitivi, anche per altri utilizzi: per alimentare autonomamente imprese e industrie (i cosiddetti impianti satellite), dove viene bruciato per generare calore e/o elettricità, per alimentare la propulsione nel trasporto marittimo e stradale, soprattutto nel traffico pesante.