NON SEI ANCORA REGISTRATO NELLA NOSTRA AREA EVENTI?Registrati e potrai accedere a tutta la documentazione relativa agli Eventi Liquigas

Area Eventi

Modifica qui i dati associati al tuo profilo

Devi essere registrato per accedere a questa pagina.

Registrazione Area Eventi

Per scaricare il materiale dell'evento è necessario efettuare l'accesso all'Area Eventi

Password troppo breve



Leggi l'Informativa completa per l’area riservata del sito.

Area Eventi

Cancellazione utente

ESCI

AREA DOWNLOAD
NON SEI ANCORA REGISTRATO NELLA NOSTRA AREA EVENTI?
Registrati e potrai accedere a tutta la documentazione relativa agli Eventi Liquigas
GNL/INDUSTRIALE
Isola dell’energia.
Dal 17/11/2016 al 18/11/2016 - Auditorium Intesa San Paolo - Viale Bonaria sn, Palazzo ex CIS - Cagliari

Il convegno internazionale “Isola dell’energia – GNL combustibile del futuro per la Sardegna e il Mediterraneo” ha l’obiettivo di illustrare e analizzare i più recenti provvedimenti legislativi per la metanizzazione della Sardegna e le iniziative imprenditoriali che gli daranno attuazione. L’iniziativa coincide con due eventi di estremo interesse per il futuro della Sardegna e per il suo Ruolo nel Mediterraneo.

Il primo evento riguarda la conclusione dell’iter legislativo della Direttiva 94/2014 “DAFI”, Directive on Alternative Fuels Infrastructure, che dovrà essere recepita da tutti i Paesi europei entro il prossimo 27 novembre.

La legge di attuazione contiene il Quadro strategico per l’utilizzo del GNL e del metano compresso nei trasporti che indica precisi obiettivi infrastrutturali per il suo approvvigionamento marittimo e terrestre (gli altri combustibili alternativi al petrolio considerati nella Direttiva sono l’elettricità, l’idrogeno, il GPL)

Il provvedimento predisposto dal Governo italiano estende la normativa sul GNL anche agli usi diversi, come l’alimentazione delle reti cittadine e delle industrie isolate. Ne risulta una piattaforma normativa necessaria alla metanizzazione della Sardegna, completando le iniziative assunte della Regione, ad iniziare dal Piano energetico ambientale regionale, e il Patto con il Governo firmato lo scorso 29 luglio dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Il secondo evento rilevante riguarda la prossima conclusione dell’iter per l’autorizzazione alla costruzione in Sardegna del primo deposito costiero di GNL del Mediterraneo. I depositi costieri costituiranno le infrastrutture di base per l’approvvigionamento di metano compresso e liquido per i vari usi civili, industriali e trasportistici, anello indispensabile tra gli stoccaggi dei grandi rigassificatori e gli utilizzatori finali.

L’isola si candida quindi ad essere apripista per tutti i Paesi che si affacciano nel Mediterraneo negli usi del GNL approvvigionato via mare, offrendo una grande opportunità di presenza e crescita alle industrie nazionali dei settori trasporto, distribuzione, approvvigionamento dei combustibili.

La metanizzazione della Sardegna colma una storica lacuna dello sviluppo economico dell’isola, il cui costo è stato calcolato in 400 milioni di euro all’anno, e offre oggi anche un grande balzo in avanti nelle politiche di tutela ambientale e sanitaria.

Oltre ad una significativa riduzione delle emissioni di CO2, intorno al 15-20% rispetto ai combustibili derivati dal petrolio, il GNL praticamente elimina le polveri sottili e gli ossidi di zolfo, riducendo significativamente anche gli ossidi di azoto sia nei trasporti terrestri pesanti sia in quelli marittimi.

La metanizzazione della Sardegna è anche una grande occasione di rilancio della cantieristica e del rinnovo delle flotte pubbliche e private di trasporto su strada oltre che della marineria minore portuale e peschereccia.

Il processo di metanizzazione delle grandi navi da crociera e dei traghetti è già iniziato in tutto il mondo e sta per investire il Mediterraneo: la posizione geografica della Sardegna al centro del Mediterraneo occidentale rappresenta una opportunità da non perdere per consolidare e valorizzare la sua vocazione per un turismo sostenibile.

Il convegno internazionale del 17-18 novembre prossimi, organizzato dall’Associazione GNL Sardegna in collaborazione con ConferenzaGNL, segue le due precedenti edizioni svoltesi nel 2007 e nel 2014 e si svolgerà nell’arco di due mattinate.

I lavori del primo giorno, dopo i saluti e l’introduzione ai lavori, prevedono una sessione istituzionale, nel corso della quale saranno illustrati obiettivi, strategie e programmi pubblici e una seconda sessione dedicata all’impegno delle imprese per la metanizzazione dell’isola. La mattina seguente la prima sessione sarà dedicata ai trasporti marittimi e alla relativa dotazione infrastrutturale, la seconda sessione riguarderà invece l’opportunità rappresentata dalla produzione di biometano e bioGNL nell’ambito e come complemento di un’ agricoltura sempre più biologica, senza concorrenza nell’uso dei terreni e delle produzioni alimentari.

Il convegno è un’ occasione da non perdere per tutte le imprese, gli esperti e i cittadini che vogliono studiare più nel dettaglio o semplicemente informarsi su questo nuovo combustibile ecologico rispetto ad altri sistemi di alimentazione già presenti nel territorio.

La partecipazione al convegno è gratuita previa registrazione; l’accesso sarà garantito fino ad esaurimento dei posti per motivi di sicurezza legati alla location, gentilmente offerta dall’istituto bancario San Intesa Paolo.